Note & pensieri

Anteprima

Note & pensieri

Questo è il primo blog di una serie di quattro parti di Senju Joseph, che vive in India e lavora presso il centro di assistenza Dementia Respite nella città di Thrissur.

È stato pubblicato sul sito https://www.alzint.org/ dell'Alzheimer Desease international, (ADI) la Federazione internazionale delle associazioni di Alzheimer e demenza in tutto il mondo, referente nei rapporti ufficiali dell'Organizzazione Mondiale della Sanità .
In questa serie, Senju documenta la sua esperienza diretta di lavoro in una struttura per la cura della demenza durante la diffusione in corso della variante Delta del COVID-19.

Senju ha trascorso gli ultimi 12 anni a lavorare in strutture per la cura della demenza dopo aver conseguito il diploma in infermieristica. Avendo precedentemente lavorato come vicedirettore e team leader in case di cura con sede in Inghilterra, Senju si è trasferito a Thrissur, in India, nel 2018 dopo che a suo zio è stata diagnosticata la demenza.

Non riuscendo a trovare le cure necessarie per suo zio in quel momento, Senju sentiva che avrebbe potuto avere un impatto maggiore sui servizi e sulle cure disponibili per le persone affette da demenza tornando in India. Una volta tornata a Thrissu, la moglie di Senju, Priya, ha iniziato a lavorare al suo fianco nel centro di demenza. Poco dopo sono venuti a conoscenza dell'Alzheimer's & Related Disorders Society of India (ARDSI), membro dell'ADI, dove sono stati in grado di accedere al supporto, ai servizi e alle conoscenze che speravano di trovare.

Senju Joseph Priya AustinCasa Covid IndiaARDSI

Meera Pattabiraman, presidente dell'ARDSI (Alzheimer's & Related Disorders Society of India) e che ha lavorato a stretto contatto con Senju la scorsa primavera, scrive:
La seconda ondata della pandemia ha devastato il nostro Paese nei mesi di aprile e maggio di quest'anno. Il sistema sanitario è stato completamente soffocato. C'era una carenza di letti ospedalieri, ossigeno e medicine erano in grave carenza e i professionisti medici erano sbalorditi e sopraffatti dall'aumento astronomico del numero di casi. Anche i crematori traboccavano e la gente faceva fatica a cremare i propri cari. Tutto questo nonostante i governi centrali e statali lavorino sul piede di guerra.
Un tempo, c'erano oltre 400.000 nuovi casi ogni giorno e il numero di decessi si aggirava intorno ai 4000. Più giovani hanno ceduto alla malattia. Migliaia di bambini sono rimasti orfani o hanno perso un genitore. Gli anziani stavano affrontando problemi di salute mentale e la fornitura di assistenza ne risentiva. L'impatto economico fu enorme, colpendo tutte le classi della società.
Sebbene il programma di vaccinazione sia stato avviato a gennaio, a causa dell'enorme popolazione, c'era una scarsità di vaccini. L'esitazione al vaccino ha anche impedito le misure del governo per vaccinare più persone.
Autore: Meera Pattabiraman, Senju Joseph
https://www.alzint.org/news/life-in-a-dementia-care-centre-during-indias-second-covid-19-wave-part-one/


La vita in un centro per la cura della demenza durante la seconda ondata di COVID-19 in India: seconda parte

Schermata 2021 07 16 alle 17.56.03Ho preso la decisione di spostare i 6 residenti positivi al COVID-19 da un lato del centro di cura per la demenza, dove mi sarei preso cura di loro lì. In quella zona, sarebbero stati isolati e io mi sarei preso cura di loro, perché non volevo che il mio personale si preoccupasse di prendersi cura dei pazienti positivi. Ho insistito che i restanti 2 assistenti si prendessero cura dei nostri 6 pazienti risultati negativi.
La porta che divideva i due lati dell'edificio era chiusa a chiave. Cibo e bevande per i residenti mi sono stati portati e tenuti vicino alla porta. Ho contattato il nostro medico e lui mi ha consigliato di prendere un booster immunitario, oltre a dare qualche farmaco a tutti. Sono stati inoltre predisposti prodotti per l'incontinenza per tutti i residenti, poiché ci sarebbe stata una minore mobilitazione per i residenti su base giornaliera. Organizzare la consegna dei beni di prima necessità alla porta del centro è stato un duro lavoro poiché l'intero paese era in isolamento. I casi di COVID-19 erano relativamente alti nella nostra zona, con la maggior parte dei negozi chiusi e i viaggi limitati.
"La resilienza del popolo indiano deve essere apprezzata. C'erano decine di eroi non celebrati che hanno fatto di tutto per fornire supporto in numerosi modi. Dalla fornitura di ossigeno, medicine e cibo gratuito, all'organizzazione di trasporti e letti d'ospedale per i bisognosi, questi valorosi campioni hanno dato un enorme contributo per mitigare i problemi sollevati da questo terribile virus."
Ogni giorno è iniziato con me che lavavo e vestivo i residenti positivi al COVID. Era piuttosto un compito in quanto non erano in grado di aiutare affatto. Dato che stavo usando tutti i dispositivi di protezione individuale possibile, ha impedito loro di identificarmi. Si comportavano come se fossi una persona sconosciuta. Fortunatamente 2 di loro sono stati in grado di riconoscere la mia voce e hanno seguito parzialmente le mie istruzioni.
Entro le 11:00 di ogni giorno, ero già riuscita a lavare, nutrire e somministrare farmaci a tutti i residenti. Avrei quindi fatto colazione, seguita da una pausa pranzo alle 15:00 e infine cena alle 23:00 una volta che ero riuscito a fare le routine serali e a portare tutti a letto. (Anche se mi trovavo nel lato positivo del COVID-19 dell'edificio, ero l'unica infermiera nell'edificio e non avevo altra scelta che interagire con i pazienti testati negativi quando si trattava di consegnare le medicine.)
Una volta che i familiari sono stati informati dell'epidemia al centro, erano preoccupati e volevano essere in costante contatto per ricevere aggiornamenti sui loro cari.
Dopo aver terminato la lunga giornata, avrei dovuto andare a isolarmi. Parlerei con mio figlio in videochiamata. Non riusciva a capire perché stavo chiamando così tardi e perché non lo vedevo quando lui e sua madre non stavano bene.

https://www.alzint.org/news/life-in-a-dementia-care-centre-during-indias-second-covid-19-wave-part-two/


La vita in un centro per la cura della demenza durante la seconda ondata di COVID-19 in India: terza parte

Non posso lamentarmi perché il Dipartimento della Salute ha gestito più vittime che mai e il personale sanitario sta attraversando un momento difficile per affrontare il numero di emergenze con meno personale. Ma è difficile.
Dopo il nostro secondo ciclo di test, i risultati sono tornati e siamo tutti risultati positivi al COVID-19 tranne un residente. Ora ci trovavamo in una situazione in cui 20 di noi erano stati infettati, compresi alcuni adulti molto vulnerabili con bisogni complessi.
Le famiglie hanno iniziato a rispondermi sulla difficoltà di ottenere i ricoveri ospedalieri per i loro cari. Ognuno ci ha chiesto di prenderci cura di loro nel nostro stesso centro, poiché si fidavano di noi per fare il meglio per i loro familiari. Alcuni di loro mi hanno detto di occuparmi prima di me e della mia famiglia, poiché i loro genitori avevano già vissuto gran parte della loro vita e dovrei considerare la nostra salute e il nostro benessere come una priorità.
A quel punto, ho deciso che dovevo trasformare il centro in un reparto COVID-19 e curare i nostri residenti e noi stessi qui, poiché non era disponibile molto aiuto nel mondo esterno.
Ho parlato con il Dipartimento della Salute e ho insistito sul fatto che dovessi riportare due membri del nostro staff anche se erano risultati positivi. Il personale ha accettato di tornare al centro, quindi abbiamo organizzato un'ambulanza per prenderli.
Alla fine del quarto giorno, avevamo a bordo 1 infermiera, 3 assistenti e un cuoco. Nessuno di loro era in forma, ma erano tutti disposti ad aiutare i nostri cari residenti a combattere questa pandemia.
Durante questo periodo, cominciavo a preoccuparmi che Priya e Austin non ricevessero l'attenzione e il tempo di cui avevano bisogno. Non avevo detto alla nostra famiglia della situazione, poiché sapevo che sarebbero stati preoccupati per la gravidanza di Priya. Probabilmente mi chiederebbero di accompagnarla a casa, il che significherebbe che dovrei lasciare il centro.
I successivi 10 giorni si sono rivelati particolarmente difficili. Abbiamo sperimentato molti scenari di pazienti in difficoltà, personale che si indeboliva a causa di problemi di salute, famiglie di membri del personale che chiedevano loro di tornare a casa e isolarsi con il riposo. Tuttavia, siamo passati attraverso tutte queste complesse emozioni e sfide fisiche e mentali.
Il giorno 14, abbiamo organizzato un altro test. I risultati sono arrivati ​​più tardi quella sera. Tutti sono risultati negativi tranne un residente.
https://www.alzint.org/news/life-in-a-dementia-care-centre-during-indias-second-covid-19-wave-part-three/

La vita in un centro per la cura della demenza durante la seconda ondata di COVID-19 in India: quarta parte

Fiume e monti IndiaAbbiamo continuato a tenere la mano della nostra residente (AR) durante tutta la degenza in ospedale in modo che non rimuovesse la cannula IV. Sdraiata sul pavimento duro, non c'è stato un momento in cui si è mai sistemata.
Mentre ero in ospedale, ero in costante contatto con il centro per le condizioni degli altri pazienti. Al mattino, ho chiesto che l'AR fosse dimesso poiché era chiaro che l'ambiente ospedaliero la stava rendendo angosciata e non potevamo darle da mangiare al momento del ricovero.
Hanno risposto che non poteva essere dato il permesso per la dimissione dell'AR in quanto il protocollo ospedaliero non avrebbe consentito a nessun paziente positivo al Covid di uscire fino a quando non fosse diventato negativo. Quando alcune persone hanno iniziato a rendersene conto, hanno cercato di prendere il controllo e di scaricare con la forza se stesse o i loro cari. Alcuni pazienti sono morti in attesa di essere dimessi. (Attualmente è pendente una causa contro l'ospedale per la modifica del protocollo.)
Nel frattempo, abbiamo continuato a cercare di trovare modi per procurarle un letto, in modo che potesse almeno sentirsi a suo agio. Inizialmente sembrava improbabile, ma fortunatamente abbiamo trovato un letto per AR intorno alle 23:00 quella sera.
Una volta che l'abbiamo messa a letto, ho iniziato a cercare di organizzare la mia dimissione dall'ospedale in modo da poter iniziare a organizzare l'ossigeno al centro per la sua eventuale dimissione. L'ossigeno era molto scarso in tutta la contea e Thomas, il tesoriere dell'Alzheimer's & Related Disorders Society of India (ARDSI), ha provveduto a portarlo dall'altro nostro centro di Cochin.
Durante questo periodo, ho ricevuto una chiamata dal centro. Uno dei nostri altri residenti (MW*) stava lottando e aveva bisogno di assistenza medica immediata.

https://www.alzint.org/news/life-in-a-dementia-care-centre-during-indias-second-covid-19-wave-part-four/ 

Nota. I testi soprariportati  sono  elaborati dal traduttore automatico di Google, con imprecisioni ed errori, ma consultabili da tutti Tutto il sito dell'ADI ha  questa traduzione immediata. Chi è interessato ad approfondire o leggere i testi completi di questo blog o gli altri articoli pbblicati sul sito può linkare  gli URL sopra indicati. (N.d.R.) 

volantino-LidiaA Ferrara il 25 novembre per parlare del mio ebook "Guida alla vecchiaia del terzo millennio" (Digital index editore) con amministratori pubblici e dirigenti locali.

 

luciana-quaiaCara Lidia, grazie per la tua mail, alla quale rispondo con una riflessione generale.
Sono anche andata a leggermi le riflessioni che hanno scaturito la tua lettura del libro della Erickson.
E' da anni che sto cercando di intraprendere qualcosa di vicino all'esperienza estera dei gruppi AMA costituiti direttamente da persone con diagnosi di decadimento cognitivo e non dai familiari.
Il punto prevalente, e dolente, è che, diversamente che altrove, la comunicazione della diagnosi al malato avviene molto raramente, vuoi per l'età avanzata del soggetto, vuoi per specifica interdizione del familiare.
Se tale ostacolo è stato superato per il cancro, grazie alla necessità dell'alleanza terapeutica, per la demenza il problema è che non ci sono attualmente speranze di cure risolutive. Inoltre, la perdita della memoria, costringe qualcuno esterno a verificare che la persona malata assume quel che oggi offre il mercato.
Tornando ai gruppi AMA, quindi, non ho mai avuto l'occasione di incontrare nello stesso periodo di tempo un numero minimo di persone che per età, cultura, e soprattutto motivazione, potesse costituire almeno un mini-gruppo.
Viceversa, ho avuto occasione di accompagnare persone che, casualmente, sapevano di avere l'Alzheimer. Dico casualmente perché si sono trovate di fronte a medici che, a domanda diretta, hanno offerto risposta diretta (e qui si aprirebbe un dibattito infinito sull'arte del "comunicare cattive notizie"). Alcune erano persone giovani (dai 50 ai 60 anni), altre più anziane (in realtà solo una di 81 anni con cui sono tuttora in contatto).
Per tutti la richiesta prevalente era di tipo comportamentale rispetto alla perdita della memoria e la richiesta di aiuto per i congiunti.
Tali persone si sono rivolte a me solo grazie all'esistenza dell'associazione di volontariato con cui per anni ho condotto varie attività direttamente con le persone malate e con i familiari (il testo Intime erranze che ti avevo mandato racconta nel capitolo iniziale la mission del centro).
Il mio lavoro professionale si svolge prevalentemente in case di riposo e centri diurni. Spesso le riflessioni che mi vengono, e che confronto anche con gli educatori, sono legate a fenomeni sporadici, ma che in un certo senso vanno nella direzione del gruppo AMA. Cosa intendo dire con questo? Soprattutto che nei centri diurni specifici per l'alzheimer affluiscono persone con un livello di cognitività sufficiente per affrontare – quando capita l'occasione giusta – il bagaglio emotivo del "coping".
In genere ci si arriva per via traverse. Conduco gruppi in cui presento determinate parole, con l'accompagnamento di fotografie, illustrazioni, che rimandano a stati d'animo e poi seguo i vari interventi. Come ben sai, con questo tipo di malattia non si può pretendere la costruzione di un lungo ragionamento, tuttavia emergono sicuramente pezzi di ricordo autobiografico, emozioni, sostegno vicendevole con frasi che innescano un clima molto potente, anche se di durata effimera. Esistono poi situazioni autogestite, dove la disperazione dell'uno diventa motivo di protezione dell'altro, o dove la rabbia cerca di essere contrastata con affiancamento di gesti specifici e parole consolatorie. Insomma, sono dei contesti in cui occorre effettivamente essere sempre presenti, per poterli cogliere e farli diventare risorsa relazionale.
Resto convinta, comunque, che è impossibile pensare di istituire un gruppo AMA se alla base non c'è consapevolezza di ciò che si ha.
Dalla tua mail mi sembra anche di capire che il tuo interesse volge verso anziani non autosufficienti.
Anche in questo caso personalmente ho belle esperienze del lavoro di gruppo. Stante alla letteratura classica, dubito di poterli definire di mutuo-aiuto, ma se guardo agli effetti ti dirò che poco m'importa che nome dare.
Di fatto, in questi gruppi di una dozzina di persone, convivono persone con gravi problemi di dipendenza fisica e altre con decadimento cognitivo non troppo avanzato. Il tema narrante viene deciso da loro e portato avanti per circa un anno. In genere è sempre basato sulla narrazione autobiografica, mescolata con altri "ingredienti" portati dalle esperienze individuali. Un esempio: una persona con gravi disturbi psichiatrici ha una memoria formidabile di poesie e capacità di costruirne lì per lì di proprie; un'altra il cui mimi mental è 10, scriveva poesie e si attiva con grande piacere quando viene interpellata per fornire singole parole che richiamino una certa immagine; un'altra persona aveva l'hobby della fotografia; un'altra, psicologa e pedagogista, interviene quando c'è qualche intoppo comunicativo-emotivo; un'altra, calabrese, conosce a menadito arti "magiche", superstizioni, antidoti... potrei continuare con le tessitrici, le migranti dal sud. Un bel repertorio che amalgama racconti di cui io diventa "raccoglitrice" e organizzatrice, facendo alle fine dell'anno un piccolo "libretto" in cui vengono raccolte poesie, giochi di parole, favole costruire con la loro fantasia, specifiche memorie autobiografiche.
Gli operatori con cui mi confronto (dai quali era scaturita la richiesta di un mio intervento per problemi relazionali fra alcuni ospiti) riferiscono buoni cambiamenti e, soprattutto, hanno anche loro "materiale" utile per relazionarsi con alcuni, la cui personalità è veramente molto complessa.
Sai, Lidia, credo che come me, siano molte le persone che all'interno delle istituzioni inventino e sperimentino modalità creative e costruttive per rispettare la dignità dell'Altro. E' che, purtroppo, sulla carta vanno in genere i grandi nomi, le grandi teorie, le grandi scoperte (mi astengo dal virgolettare la parola grandi), mentre ciò che osservi su numeri contenuti non viene considerato degno di "evidenza" (lo dico per certo perché alcune volte ho provato a proporre risultati di lavori fatti con persone con demenza, ma ,appunto, 15 persone non costituiscono "materia" sufficiente).
Ti sembrerò polemica, ma a distanza di quasi vent'anni di lavoro quotidiano in questi contesti, ogni volta che mi accingo a letture, convegni, giornate studio, seminari, non sono più così disponibile a lasciarmi incantare dall'ultima scoperta del secolo.
Trovo invece fondamentale curare l'inserimento di personale adeguato in contesti così complessi, soprattutto ora che anche le persone anziane ex-ospedale psichiatrico non vengono più accolte nelle comunità, ma spedite nelle RSA, dove c'è un mondo assolutamente impreparato a gestire tali patologie (e non parlo solo degli operatori di base, ma anche del personale sanitario)
Potrei continuare a lungo, su questo tema, con particolare riferimento pure alle famiglie, alle loro aspettative, alla loro capacità di mettere in pratica quanto acquisito nella formazione.
Come sempre non si può fare di tutta l'erba un fascio, ma ti assicuro che davvero ognuno preso nella sua singolarità è un caso a sé con le sue zone di luce e zone d'ombra.
Auguri per il tuo compito di rabdomante e spero anch'io che l'occasione da te offerta di poter raccontare esperienze nascoste, diventi utile per tutti gli operatori che in questo lavoro davvero ci credono.

Primo numero del nuovo anno, il quarto della vita di PLV.Tanti i temi affrontati. Chiedo, nelle "Mille Parole per l'eguaglianza", ai sindaci delle prossime  elezioni amministrative, di modificare la visione complessiva da un welfare solo riparativo ad un welfare inclusivo.

Due sono gli articoli sulle nuove tecnologie: l'esperienza di Fiorenza Scotti  sull'allestimento della sua casa a supporto della disabilità, la cooperativa La Spiga di Desio spiega il progetto d'informatizzazione della gestione.

Le nostre "Voci dalla rete", sempre vivaci, attuali e accattivanti: Diana  racconta del suo utilizzo di SKIPE, Rosanna parla dell'invecchiamento, Laura con la solita verve ed ironia, ma tanta umanità ci illustra ( come con una fotografia)un episodio di vita in una casa per anziani. I racconti di Laura sono pubblici. Noi collaboriamo a divulgarli e, per noi, Laura spiega le sue attività e  responsabilità , per  estendere le esperienze. Rita, infine,vivace  e attiva , per tutto l'anno dice, presenterà  performance di grandi personaggi ultra settantenni.

La Maratona per l'Azheimer, promossa dall'associazione Casa Insieme, si conclude a Mirandola con la consegna di un assegno ( e di una maglia) per la consorella della zona terremotata, ora anche alluvionata.

Infine un mio consiglio di lettura. " Nelle mani delle donne" un libro che parla di nutrire, guarire, avvelenare dal medioevo ad oggi. Scritto da una professoressa di storia medievale, Maria Giuseppina Muzzarelli,  è la storia appassionante, erudita ma  di piacevole lettura, per capire l'oggi con le vicende dell'ieri.

altE' il mio colloquio di fine anno su PLV con i suoi lettori e inizia con gli auguri per un Felice 2014, con un biglietto personale in cui vi è lo scorrere delle stagioni. Riprendo alcuni dei temi su cui mi sono soffermata di più nel corso dell'anno. Parlo di formazione professionale nei servizi, di abitazioni per gli anziani con un contributo dell'architetto Assunta D'Innocenzo e di tecnologie digitali applicate nelle residenze per anziani, partendo dal recente convegno dell'ASPHI, con un resoconto di Rossella Romeo.

Parlando di abitazioni e servizi residenziali presento un libro, dal titolo significativo"Anziani all'aria aperta"

Poi le nostre "Voci dalla rete" che si arricchiscono di altri contributi. Entra con "Panda Rei" Laura Binello, infermiera professionale nel servizio Cure domiciliari e residenziali dell'ASL di Asti che ci parla, nei suoi "corti" della sua lettura delle esperienze di lavoro. Laura scrive tanto e d'impeto sui socialnetwork e dove capita. Su PLV recupera parte dei suoi scritti, li aggiorna, aggiunge altre considerazioni. Diana Catellani racconta la sua presenza su Twitter, Rosanna Vagge parla di Maria e di Michele, al ritorno dal congresso di Slow Medicine, Stefano Montalti presenta la maratona di Cesena, organizzata da Casa Insieme, ed infine Rita Rambelli manda una sua lettera personale a Babbo Natale.

Ancora Buone Feste e Buon 2014

alt

Musica e tecnologie. Due parole e due ambiti molto diversi, ma complementari e integrati per un obiettivo comune: rafforzare la dignità e serenità dell’anziano e la sua fierezza per  aver superato un handicap. Sono i temi conduttori di questo aggiornamento di PLV. Parliamo di musica, in una conversazione con Gabriella Lo Cascio, musicoterapista, che presenta il suo libro “Mille musiche diverse", un ebook, nella collana Per lunga vita dell’editore Digital index. Di tecnologie oltre che  nelle “Mille parole” se ne parla al convegno dell’ASPHI, di cui a fianco riportiamo il logo, che ci piace molto perché richiama la copertina della “ Guida alla vecchiaia del terzo millennio”.

Le voci dalla rete parlano di co-housing per gli anziani non autosufficienti, con un’esperienza dei volontari di Modena, presentata da Enio Concari; su tecnologie e social network  si racconta Diana Catellani. Rosanna Vagge ricorda, perché sempre attuale, una sua esperienza con “una morte naturale” e infine Rita Rambelli, la nostra voce sull’attualità , parla dei risultati di una recente indagine sugli anziani e il pericolo della strada.

Un mio omaggio personale, a pochi giorni dalla morte, a Doris Lessing, la voce delle donne, della loro dignità e della loro forza, giovani o vecchie che siano.

Buona lettura

PLV segnala

alt

alt

 

 

alt

E' un aggiornamento quasi monotematico a carattere informativo e didattico. PLV parla di salute, di benessere per prevenire l'invecchiamento, di integrazione sociosanitaria e di una buona prassi in merito, del Comune di Torino. Propone tre libri: la Raccomandazione Siquas su " I requisiti di qualità nell'integrazione tra sanità e sociale", di cui sono una delle autrici, con le mie riflessioni,  a margine nella rubrica " Mille parole per l'eguaglianza; il libro "Ritardare l'invechiamento è possibile" di Felice Strollo e Joan Vernikos sul quale ho intervistato l'autore, che amplia e spiega i contenuti. Ne faccio anche la presentazione, metodo che adotterò anche in seguito, là dove  pubblico l'intervista  all'autore/autrice. 

Il terzo libro è un'anticipazione di un ebook Mille musiche diverse- Manuale pratico di Musicoterapia, che sarà disponibile tra pochi giorni, nella collana "per lunga vita",di Digital Index . L'autrice Gabriella Lo Cascio è un'amica e collaboratrice, sin da quando dirigevo la rivista Servizi socialioggi ( Maggioli editore). Ne parleremo diffusamente quando sarà disponibile. Per ora prendete nota, ne vale la pena.

Infine parlando di invecchiamento e stili di vita segnalo tramite Andrea Imeroni, la delibera adottata dal Comune di Torino per " Una citta camminabile" di cui Andrea già ci ha parlato su questo sito. Poi sempre in tema di salute, una delle nostre "voci dalla rete" Rosanna Vagge suggerisce di "Curare la cura".Buona lettura

 

PLV segnala

 

altBologna 20/21 novembre 2013

Forum sulla non autosufficienza

V edizione Strumenti, idee e soluzioni per l'innovazione sociale e il welfare di cura

Logo Asphi Bologna 02 dicembre 2013

Convegno “Anziani, tecnologie multimediali ed ausiliStrumenti di prevenzione, stimolazione e mantenimento delle autonomie”

alt

Per lunga vita.it diventa grande, si fa nuovi amici, li accoglie in casa propria, li ringrazia per aver accettato l’ invito a  costruire una preziosa rete di persone che  guardano alla vecchiaia in modo positivo. Tutte le persone che fanno parte di queste “Voci” hanno già scritto per PLV dalla loro finestra aperta.

Ivano Baldini, presidente dell’Associazione AlzheimER Emilia Romagna, ha già raccontato, oltre alla sua vita, cosa è, cosa fa questa organizzazione. Su PLV ci farà conoscere esperienze nuove promosse dai familiari.

Diana Catellani ha accettato di aprire un altro suo blog, oltre a quello personale “nonnaonline” per raccontare il suo percorso con gli strumenti digitali, tra ostacoli e soddisfazioni.

Rita Rambelli è stata l’apripista, per testimoniare che gli anni sono una convenzione anagrafica, ma che si può andare “ Oltre l’età” per continuare ad essere curiosi del mondo.

Rosanna Vagge, anche lei già collaboratrice, medico e amante della scrittura , racconta le sue esperienze e la sua vita accanto ai vecchi delle residenze protette, ma non solo.

In questa piacevole compagnia  continuo le mie riflessioni sulla qualità della cura nei servizi, parlando di assistenza domiciliare.

Buona lettura

Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito e per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Continuando ne accetti l'utilizzo.