Gli autori

Presentazione

LOGO PLV

Oltre duecento persone hanno scritto per Perlungavita.it nel corso di questi anni.

Hanno risposte ad interviste, redatto articoli, presentato libri, documentari e servizi fotografici.

Tra essi ci sono stati gli anziani protagonisti del ‘900, giovani volontari o ai primi passi nel mondo del lavoro, professionisti di area sociale e sanitaria, economisti e sociologi, storici, ingegneri e architetti, ma anche artisti, fotografi, scrittori e poeti.

Molti di essi hanno continuato a scrivere più volte sino ad essere a tutti gli effetti autori stabili di questo sito, che allarga continuamente la rete dei propri collaboratori.
Il patrimonio raccolto è a disposizione di tutti coloro che si affacciano su queste pagine.

cover guida vecchiaia goldoniPer Lunga Vita è un augurio, è un invito, un luogo per continuare un dialogo iniziato dieci anni fa, per parlare di anziani, disabili, malati cronici, con serenità e senza allarmismi.
Vorremmo dialogare con loro e non solo su di loro, con i loro familiari e i volontari, per dare suggerimenti e informazioni sulla salute, per capire ciò che può servire, per aiutare a scegliere i servizi.
Una vita lunga, nonostante disabilità, limitate funzionalità e cronicità è una conquista del progresso.
I nostri obiettivi: dare strumenti di conoscenza ai cittadini per scegliere servizi di qualità, ai professionisti per migliorare la loro capacità operativa e ai decisori delle politiche sociali e assistenziali suggerimenti e idee per innovare il nostro sistema sociale.
Vogliamo però anche offrire occasioni di cultura e svago, presentando libri, film, convegni.
Vogliamo contrastare l’idea di anziani, disabili e cronici quali responsabili della catastrofe economica del paese. Essi oltre che persone e cittadini sono la nostra storia e la nostra memoria. Perlungavita considera un valore e un impegno etico, a cui vi chiediamo di contribuire, operare perché abbiano riconosciuti i loro diritti, siano protagonisti nella nostra società, possano fruire dei servizi, degli spazi e delle relazioni di cui ogni individuo necessita.


Puoi contattare Per Lunga Vita inviandoci un'

Cari amici e lettori occasionali o abituali di Per lunga vita.

Questo sito compie un anno ed è tempo di un primo bilancio, condividendo con voi le riflessioni.

Parto dagli impegni inevasi: aggiornare on line la “Guida alla vecchiaia” uscita oltre dieci anni fa e sostenere una campagna sulle parole da salvare della lingua italiana.

Quest’ultima  è sfumata per l’impossibilità di un  link diretto con le pagine della casa editrice.

La Guida cartacea  era pensata per il cittadino  e l’anziano con un’informazione leggera e agile sul come affrontare la vecchiaia. 

Per Lunga Vita è un augurio, è un invito, un luogo per continuare un dialogo iniziato dieci anni fa, per parlare di anziani, disabili, malati cronici, con serenità e senza allarmismi.
Vorremmo dialogare con loro e non solo su di loro, con i loro familiari e i volontari, per dare suggerimenti e informazioni sulla salute, per capire ciò che può servire, per aiutare a scegliere i servizi. Una vita lunga, nonostante disabilità, limitate funzionalità e cronicità è una conquista del progresso.
I nostri obiettivi: dare strumenti di conoscenza ai cittadini per scegliere servizi di qualità, ai professionisti per migliorare la loro capacità operativa e ai decisori delle politiche sociali e assistenziali suggerimenti e idee per innovare il nostro sistema sociale.
Vogliamo però anche offrire occasioni di cultura e svago, presentando libri, film, convegni. Vogliamo contrastare l’idea di anziani, disabili e cronici quali responsabili della catastrofe economica del paese. Essi oltre che persone e cittadini sono la nostra storia e la nostra memoria.
Perlungavita considera un valore e un impegno etico, a cui vi chiediamo di contribuire, operare perché abbiano riconosciuti i loro diritti, siano protagonisti nella nostra società, possano fruire dei servizi, degli spazi e delle relazioni di cui ogni individuo necessita.

La Direttrice di Per Lunga Vita: Lidia Goldoni

Alberto Arlotti è nato a Ferrara il 16 ottobre 1949. Ha frequentato regolarmente le scuole fino al conseguimento del diploma di Maturità Scientifica nell’anno scolastico 1968-69. Si è poi iscritto alla Facoltà di Medicina e Chirurgia laureandosi nel 1981 presso la Università di Ancona, con voti 104/110, discutendo una tesi sperimentale di Anatomia ed Istologia Patologica intitolata “Le lesioni premaligne dell’adenocarcinoma polmonare” . Successivamente, presso l’Università di Ferrara, ha ottenuto a pieni voti il Diploma di Specializzazione in Ematologia Generale nel 1985 con tesi intitolata “ Indagine di prevalenza delle infezioni da HTLV III in una comunità di tossicodipendenti ad alto rischio” ed il Diploma di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, nel 1990 discutendo una tesi intitolata “Studio su un impianto di potabilizzazione utilizzante acque di superficie”.

Ha completato la sua formazione medica di base nel quadriennio 1981-85 presso l’Arcispedale S. Anna di Ferrara nel corso del quale ha svolto Tirocinio Pratico Ospedaliero in Medicina Generale e frequentato la Sezione di Ematologia della Clinica Medica dell’Università di Ferrara ed il Laboratorio Analisi dell’ospedale detto.

Nel 1985 è entrato, prima per incarico poi in ruolo, nel Servizio di Igiene Pubblica dell’allora USL 34 Emilia-Romagna Copparo.

In quel Servizio ha rivestito il compito di Responsabile del Settore dell’Igiene Ambientale e degli Acquedotti e, successivamente, di Igiene dell’Edilizia.

Dal 1998 al marzo 2005 è stato Responsabile del Modulo Organizzativo (già Area Specialistica) Igiene degli Ambienti Confinati del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Ferrara.

Dal 1998 è Collaboratore a tempo parziale, e dal marzo 2005 a tempo pieno, presso il Servizio Sanità Pubblica della Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna per lo sviluppo del progetto: ” Gestione del Piano regionale della Prevenzione, per quanto riguarda la prevenzione degli incidenti stradalie la prevenzione della patologia indotta dall'ambiente costruito. Definizione dei criteri per la valutazione igienico-sanitaria degli strumenti urbanistici, di programmazione territoriale e di valutazione delle condizioni abitative con predisposizione di linee di indirizzo alle Aziende sanitarie” .

In tale sede ha collaborato alla stesura di norme a carattere regolamentare come i Requisiti Cogenti del Regolamento Edilizio Tipo della Regione adottati con Deliberazione della Giunta Regionale 22 febbraio 2000, n. 268, i Requisiti Volontari per le Opere Edilizie adottati con Deliberazione della Giunta Regionale 16 gennaio 2001, n. 21, oltre che a Linee Guida per le Aziende USL sul tema specifico.

Nel 2005-2006 ha partecipato alla stesura del Piano Regionale della Prevenzione 2006-2008, in particolare del Piano della “Prevenzione della Patologia indotta dall’ambiente costruito” di cui è referente, del Piano della “Prevenzione degli incidenti stradali” di cui è referente, e del Piano di “Prevenzione degli incidenti domestici” del cui Gruppo di coordinamento regionale è componente.

E’ membro di numerosi gruppi di lavoro regionali sui temi dell’abitare e della salute, tra cui si rammenta l’Area Regionale di Integrazione n. 2 “Mobilità sostenibile” e l’ l’Area Regionale di Integrazione n. 3 “Miglioramento della qualità urbana”

Dal 2004 coordina le Commissioni Tecniche Regionali “Casa e Salute” e “Strumenti Urbanistici” istituite presso il Servizio Sanità Pubblica della Regione col compito di individuare e proporre gli indirizzi tecnico-scientifici e di formazione degli operatori delle AUSL che operano nel campo della prevenzione e promozione della salute negli ambienti di vita.

Dall’autunno 2006 a tutt’oggi è coordinatore del Progetto CCM-Regione Emilia-Romagna “Promozione dell’attività fisica – Azioni per una vita in salute”

E’ membro dell’ “HEPA Europe working group on national approaches”.

Esercita attività di docenza sul tema del rapporto tra ambiente di vita e salute nel Corso di Laurea triennale per “Tecnici della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro” dell’Università di Bologna e su tale argomento ha svolto regolare attività di docenza sia per conto del CALER ( Coordinamento delle Autonomie Locali della Emilia Romagna), che per conto delle AUSL.

Ha arricchito la propria formazione professionale partecipando a numerosi congressi ed a seminari sui temi della oncologia, delle acque potabili, dell’inquinamento atmosferico, del rapporto tra Ambiente costruito e Salute e della promozione dell’Attività Fisica, tra cui si rammentano i più recenti:

- “2° WHO Internazional Housing and Health Symposium” (Vilnius 29 settembre 1 ottobre 2004) al termine del quale è stata stesa ed approvata la “Dichiarazione di Vilnius” WHO 1 ottobre 2004

- Congresso Internazionale “Habitat insalubre et Santè” Parigi 20 e 21 maggio 2005.

- 3rd annual meeting of European network for the promotion of Health-Enhancing Physical Activity HEPA, Graz 16-18 maggio 2007

- 1st Annual Conference and 4th Annual Meeting of European network for the promotion of Health-Enhancing Physical Activity HEPA, Glasgow 8-9-10 Settembre 2008;

- International Workshop “National Physical Activity promotion strategies in Europe” Wageningen (Olanda),13-14 Novembre 2008.

- 5th Annual Meeting and Symposium of European network for the promotion of Health-Enhancing Physical Activity HEPA, Bologna 10-11 Novembre 2009

Ha presentato numerose relazioni nell’ambito di congressi e riunioni scientifiche svoltesi in diverse sedi.

Tale attività risulta documentata dalle pubblicazioni a stampa, tra cui si ricordano le più recenti e rilevanti:

- al “39°Congresso Nazionale della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica” (Ferrara settembre 2000) relazione intitolata “La valutazione dei contenuti igienico-sanitari ed ambientali degli strumenti di pianificazione e trasformazione urbana” pubblicata negli Atti del Congresso;

- al “Seminario NIP 2001” Nuovi Insediamenti Produttivi organizzato nell’ambito della 2° Convention nazionale dei responsabili dell’igiene e sicurezza in ambiente di lavoro (Modena settembre 2001) relazione intitolata “ I requisiti cogenti nello schema di regolamento edilizio tipo della Regione Emilia Romagna” pubblicata negli Atti del Seminario;

- al “1° WHO Internazional Housing and Health Symposium” (Forlì novembre 2002) relazione intitolata “L’abitare e la salute: le iniziative della Regione Emilia-Romagna” pubblicata negli Atti del Symposium;

- al Convegno “Casa e Salute” svoltosi nell’ambito del SAIE (Bologna ottobre 2003) relazione intitolata: “Pianificazione territoriale Casa e Salute

- al Seminario WHO “Housing and Health regulation in Europe” Forlì giugno 2005 relazione intitolata: “Presentation of the specific regulations on housing and health by topic- The overall European dimension – Home Safety

http://test.cp.euro.who.int/Document/HOH/Forli_report_housing_reg.pdf visitato il 2 Settembre 2010;

- al 2° Workshop nazionale “Osservatori per gli incidenti stradali:dai dati alle azioni” (Arezzo 12-13 ottobre 2006) relazione intitolata “L’Emilia-Romagna alla soglia del Piano Regionale della Prevenzione degli Incidenti Stradali:osservazioni sulle iniziative già presenti sul territorio” ed il poster “L’azione del Servizio Sanitario della Regione Emilia-Romagna per il contrasto delle condizioni ambientali che favoriscono l’incidentalità stradale”

http://www.siass.org/attivita/pregresse/2006/2006_10_12-13_Arezzo/13%20mattina/Arlotti.pdf visitato il 2 settembre 2010

- ha collaborato alla stesura del testo “Microclima, aerazione e illuminazione nei luoghi di lavoro: linee guida” Coordinamento tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle Province autonome 2006

www.ispesl.it/linee_guida/tecniche/LGMicroClima062006.pdf visitato il 2settembre 2010

 

- ha collaborato alla stesura del testo “Housing and Health reguletion in Europe” WHO 2006

http://www.euro.who.int/document/e89278.pdf (visitato il 21.06.07) ;

- al 1st Annual Conference and 4th Annual Meeting of European network for the promotion of Health-Enhancing Physical Activity HEPA, Glasgow 8-9-10 Settembre 2008 ha presentato un poster intitolato ““Action for a healthy life” an Italian Ministry of Health - Emilia-Romagna Region Project for increasing Physical Activity in the Italian population”

http://www.sparcoll.org.uk/Portals/45/Book%20Of%20Abstracts%20for%20website.pdf visitato il 2 settembre 2010

- al “International workshop National physical activity promotion strategies in Europe” 13-14 November 2008 Wageningen (Olanda) ha presentato un contributo intitolato “Action for a healthy life” an Italian Ministry of Health - Emilia-Romagna Region Project for increasing Physical Activity in the Italian population”

www.askoe.or.at/de/menu_2/askoe---fit/fit---start/fst-information/docdown-informationen-YGZRgVoOi4BNc visitato il 2 settembre 2010

- al Convegno ISDE “IVe Giornate Italiane Mediche dell’Ambiente “Inquinamento degli ambienti confinati di vita” Impatto dell’inquinamento indoor sulla salute Salsomaggiore, 4-6 Novembre 2009 ha presentato una relazione intitolata “Ambiente costruito e salute: inquinamento dei comportamenti”

http://www.isde.it/iniziative/2009/Novembre-Salsomaggiore/4/Arlotti%20presentazione.pdf visitato  il 2 settembre 2010

E’ coordinatore scientifico e componente del Comitato di Redazione del sito web, appartenente al CCM-network, che si occupa di promozione della attività fisica denominato “Azioni”

http://www.ccm-network.it/azioni/ visitato il 2 Settembre 2010

alberto cesterMedico Chirurgo, Specialista in Geriatria e Fisiatria.
Direttore dell’U.O.C. di Geriatria - Sede Ospedaliera di Dolo (VE)
Direttore del Dipartimento di Area Medica dell’Az. ULSS 13 Mirano (VE)
Responsabile CDC/UVA Aziendale ULSS 13 Mirano
Nato ad Adria (RO) si è laureato a Padova con il massimo dei voti, nella I° sessione del 1981, con una tesi sperimentale dal titolo : "Studio delle lipoproteine ad alta densità (HDL) nei pazienti con ischemia cerebrale transitoria (TIA) >, derivata da un progetto multicentrico internazionale quinquennale del CNR (Progetto ATS/OD 2). Specializzatosi quindi presso la stessa Università di Padova in "Geriatria e Gerontologia" il 25-7-1985 col punteggio di 68/70, si è successivamente anche specializzato presso l'Università di Trieste in "Fisioterapia" il 23-11-1988, col punteggio di 70/70 e LODE.

Ha avuto varie esperienze professionali nazionali ed internazionali nel campo della geriatria e della riabilitazione geriatrica.
Allievo della Scuola Geriatrica Padovana del Prof. Crepaldi, del Prof. Fellin e del Prof. Enzi, quindi collaboratore ed allievo dal 1987 del Dr. Bordin, in questa stessa Azienda.
Autore di 167 pubblicazioni scientifiche di tema geriatrico e riabilitativo, edite su riviste nazionali, estere e on-line.
Ha pubblicato inoltre 9 libri di interesse geriatrico (alcuni titoli: “Unità Valutativa Geriatrica esperienza e proposta operativa”, “Dalla Qualità totale alla carta dei servizi nelle residenze per anziani pubbliche e private”, “Legare i vecchi”, “I percorsi della contenzione dal caos al metodo”, di quest’ultimo è stata edita anche la versione in lingua inglese: “The paths leading to restraint from chaos to method”, “Un percorso nuovo per le demenze, L’esperienza del gruppo di studio Picchiatelli”, “L’altro volto della demenza”, “La Geriatria Extraospedaliera”). Ed è co-autore di capitoli in altri testi (argomenti di interesse preminente: demenze, cure della fase terminale della vita, spazi di vita, organizzazione dei servizi per gli anziani).
Relatore in 333 sessioni tra Congressi, Convegni, Corsi e Meeting in Italia ed all’Estero.
Membro di varie Società Scientifiche Geriatriche Nazionali ed Estere, membro esperto in varie commissioni regionali e nazionali, ha ricoperto, ruoli di rilievo e ha collaborato in vari gruppi di studio SIGG nazionali (Accreditamento all’eccellenza per le Unità Operative di Geriatria; Le cure nelle fasi terminali della vita). Ora responsabile SIGG per lìarea del nord Italia.
Responsabile di molti protocolli di ricerca a livello nazionale e locale in materia geriatrica e riabilitativa, ultimamente specie nel campo dell’invecchiamento cerebrale, delle demenze e dell’organizzazione dei servizi.
Correlatore di tesi di laurea e di specializzazione. Si è inoltre occupato di formazione geriatrica a vari livelli.
Responsabile di gruppi di studio SIGG, già referente della Regione Veneto in materia di problematiche correlate alle patologie demenziali. Presente a 472 eventi congressuali di aggiornamento. E’ stato Referee per il Ministero della Salute per l’ECM (area Riabilitazione Geriatrica e Terapia Occupazionale).
Nominato Componente della Commissione per il PTORV (Prontuario Terapeutico Ospedaliero per la Regione Veneto) e di varie commissioni scientifiche regionali e nazionali, dal 1984 al 2013.
Nominato membro della Commissione Terapeutica Sovraziendale comprendente le ULSS 10, 12, 13 e 14 (CTA) nell’ottobre 2013. Nominato componente della “Commissione Riabilitazione” del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 2009 - 2010.
Ha partecipato alla stesura dei Quaderni della Salute del Ministero n. 6 “Criteri di Appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale nell’assistenza all’anziano”, e n. 8 “La centralità della persona in riabilitazione: nuovi modelli organizzativi e gestionali”. Editi dal Ministero della Salute.

Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito e per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Continuando ne accetti l'utilizzo.