Home

plv logoVorremmo poter cominciare a guardare al futuro, pensando ad un nuovo welfare, a nuovi stili di vita, traendo benefici dal patrimonio naturale e culturale e dalle scoperte scientifiche e tecnologiche, affiancati da un medico giardiniere.
Nelle Mille parole andando oltre il COVID, riprendo un tema già trattato: abbiamo bisogno di conoscere gli anziani di oggi per costruire con loro una società inclusiva e propositiva. 
Costruire un nuovo welfare coinvolgendo gli anziani e le loro rappresentanze 

Sara NardiniNell’intervista, Sara Nardini, parlando del rischio di solitudine e depressione degli anziani presenta una pratica, la terapia forestale riconosciuta dal sistema sanitario in Giappone, per combattere ansia e depressione e aiutare il sistema immunitario e le prestazioni cognitive.
Sara Nardini: la terapia forestale aiuta sistema immunitario e prestazioni cognitive, abbassa ansia e depressione

ferdinando schiavoDi prevenzione scrive anche Ferdinando Schiavo per affrontare l’avanzare dell’età cambiando stili di vita e godendo dei benefici offerti dalla natura.
Prevenzione, dolce chimera sei tu! Come affrontare l’avanzare dell’età con stile… di vita.Verso una fragilità rinviabile, tra boschi e pianure

rita rambelliRita Rambelli, partendo dal libro della virologa Ilaria Capua, racconta come l’epidemia, ci imponga una nuova mappa mentale che metta in primo piano la natura e la biodiversità.
Il dopo SARS-COV-2, il virus che ci ha costretto a cambiare mappa mentale

rosanna vaggeRosanna Vagge aggiunge un altro elemento che la pandemia ci ha riproposto: che un medico, un operatore della cura, non può solo essere un meccanico, ma deve coltivare osservazione e equilibrio come ogni bravo giardiniere.
È sempre colpa del Coronavirus?

diana catellaniDiana Catellani racconta la sua esperienza durante questi mesi di restrizioni e come vi ha fatto fronte, ricorrendo a quelle opportunità che la tecnologia oggi ci offre.
Internet e resilienza: come canne al vento...

ida accorsiIda Accorsi lettrice e conoscitrice appassionata di Gianni Rodari ci propone la favola “C’era due volte il barone Lamberto” in cui anche la morte assume i tratti leggeri della prosa dello scrittore
C'era due volte il barone Lamberto: l’uomo il cui nome è pronunciato resta in vita

 

 

Buona lettura di Perlungavita.it

Utilizziamo i cookie per garantire le funzionalità del sito e per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Continuando ne accetti l'utilizzo.