Cinque domande a...

Alberto Arlotti, dirigente Servizio Sanità Pubblica della Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna.

Una notizia mi ha colpito. Perché nella lista delle città “amiche degli anziani” la campagna promossa, sin dal 2006, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Global network of age-friendly cities'-OMS), con cui lei lavora, non c’è neppure una città italiana? E casuale o vi è qualche altra ragione,visto che nella rete delle città sane è un comune italiano, Modena, ad essere oggi presidente di turno?