BdP

Picture1

WELFARE e DOMICILIARITA'
(a cura di La Bottega del Possibile)

CAMPAGNA CAREGIVER 

Campagna Caregiver

La crescita esponenziale della popolazione anziana da un lato e, dall’altro, la riduzione della spesa sociale, evidenziano i pesanti rischi che sottendono il sistema di welfare assistenziale italiano.

 

Qual’ è l’idea di giustizia che può aiutarci nel garantire o promuovere/realizzare la dignità umana in una società dove la quota di popolazione che ha bisogno di cura, per motivi non necessariamente negativi, è crescente rispetto alla attuale capacità di risposta che la stessa società oggi riesce a dare? 

Eurocarers è stata costituita formalmente nel 2006; la sede legale è in Lussemburgo. L’associazione nasce a seguito di due progetti europei realizzati nel 2004: CARMEN – un progetto di rete per organizzazioni che si occupano di assistenza agli anziani e EUROFAMCARE un progetto di ricerca sui caregiver di persone anziane.

alt

Come afferma Rosalynn Carter ci sono solo quattro tipi di persone al mondo: quelli che sono stati caregiver, quelli che sono attualmente caregiver, quelli che lo saranno e quelli che avranno bisogno di avere un caregiver.

L’inizio della parola caregiver evoca nella lingua italiana il vocabolo “caro” che sappiamo avere tanti significati: può riferirsi a una persona a cui si vuole bene, al genitore o parente stretto, ma anche a qualcosa che costa molto o che fa pagare molto. 

Quando si affronta il tema della non autosufficienza degli anziani il dato che emerge vistosamente rispetto ai “luoghi e ai soggetti della cura” è quello della presenza massiccia di sistemi familiari che si fanno carico della fragilità di questi loro membri dalla lunga vita, per lo più in condizioni di dipendenza. Se in tempi ancora recenti si stentava ad approfondire il tema delle ricadute ai diversi livelli ( pratico, emotivo, relazionale, economico) del lavoro di cura, oggi si affronta con più attenzione lo studio dei processi di adattamento di queste famiglie incalzate da eventi coinvolgenti come la malattia grave, la disabilità psicofisica e la conseguente dipendenza, l’avvicinarsi alla morte di uno dei propri membri.