Salute, Benessere, Scelte individuali

Lalla non voleva morire. Aveva lottato sempre contro quel maledetto cancro al seno  diagnosticato all’età di 47 anni, sapendo bene che la stessa malattia aveva ucciso la sorella  quando ne aveva solo 54.

Per 18 anni, in qualità di direttore del C.I.T.E.R. (Centro di Informazione Tessile dell'Emilia Romagna) mi sono occupata di scenari di sviluppo per le imprese del tessile abbigliamento dell'Emilia Romagna. L'attività, iniziata 13 anni fa nel settore dei servizi alla persona e dell'innovazione sociale correlata alla società dell'invecchiamento, mi ha necessariamente indotto a cogliere l'enorme divario tra l'abbigliamento prodotto e distribuito nel nostro paese e in ambito europeo, rispetto alle esigenze funzionali di persone anziane e con problemi di autonomia.

chiara-piccininiNel silenzio, nello spazio che lasciamo libero, l'ascolto può ergersi, come un ponte fra l'altro e noi, fra la terra e il cielo.
Alfred Tomatis, medico otorinolaringoiatra vissuto lo scorso secolo (1920-2001), ha trascorso tutta la propria vita di ricerca e sperimentazione nel tentativo di comprendere le radici e le fronde più distanti e improbabili dell'ascolto. Le sue scoperte trovano oggi sempre più conferme da parte dei gruppi di ricerca più prestigiosi.

Che diminuire il ricorso all’ospedalizzazione e all’istituzionalizzazione comporti una riduzione del disagio per gli anziani e per le persone con esigenze specifiche e un notevole risparmio economico per le strutture pubbliche penso siamo d’accordo tutti.

Le tecnologie mobile e touchscreen (computer touch, tablet, smartphone) sono in crescente diffusione come strumenti personali per la comunicazione e la partecipazione alla vita sociale, come facilitatori per l’apprendimento e l’insegnamento e come strumenti per favorire l’inserimento nel mondo del lavoro.

In questo periodo di crisi il disagio delle persone non è solo legato a fattori economici, ma anche ad un clima che favorisce disorientamento, stress, conflittualità, solitudine, perdita di senso e speranza nel futuro.

Il termine Cohousing (termine inglese adottato nelle prime esperienze nord-europee) è di difficile traduzione in italiano e quando è stato tradotto si sono usati termini diversi che colgono di volta in volta alcuni aspetti di quell'esperienza: housing sociale, condominio solidale, ecc.

Nelle traduzioni spesso si evita il termine comunità o l'aggettivo comunitario per non richiamare esperienze del passato catalogate come negative: le utopie dell’ '800 di Owen e Fourier, le comuni "sessantottine", i quartieri autosufficienti del novecento di cui l'Unitè d'abitation di Le Corbusier è una delle espressioni più note.

Anche nella cura dell’anziano, come in tutta la medicina, si è gradualmente affermata una visione secondo la quale:

-       Nuovo è meglio

-       Tutte le procedure utilizzate nella pratica clinica sono efficaci e sicure