Salute, Benessere, Scelte individuali

ferdinando schiavoPrendo spunto da una lettera di Repubblica dell’8 aprile scorso in cui la signora Franca Guidoni denunciava lo scarso senso di responsabilità (“la colpa è sempre degli altri”) a proposito di un episodio descritto in una precedente lettera da un’altra lettrice. Costei si era lamentata poiché si era venuta a trovare (per una sua mancanza: un ritardo nel versamento della quota universitaria delle figlia) nella condizione di dover pagare 50 euro in più. In realtà bastava stare alle regole, pensarci prima ed evitare così di incolpare altri!

ferdinando schiavoSi, è vero, per molti professionisti della salute le cose che non si sanno non esistono. Ma è una riflessione che vale per tutte le professioni, forse “un po’ meno” quando vengono esercitate da chi è curioso e ama mettersi in discussione, tenta di mantenere l’impegno nella propria vita e nel lavoro, ascolta gli altri e ne accetta gli insegnamenti, le proposte e le eventuali critiche.

 La classe medica conosce la neurogerontologia? I medici e le altre figure professionali che collaborano a livello sanitario e sociale nell’ambito della salute hanno una preparazione adeguata per gestire una società che invecchia? Sono in grado di proporre una medicina attenta alla complessità dettata dall’invecchiamento e, in conseguenza di ciò, dalla fragilità, dalla cronicità e dall’impiego elevato e non sempre appropriato dei farmaci?

ferdinando schiavoI morti di oggi 22 febbraio 2016
A Torino Wilma Tortis di anni 84 è deceduta in casa di riposo Gigi Meroni in seguito alla somministrazione di una terapia piuttosto intensa di ipotensivi. Giorni prima le era stato aggiunto un quarto ipotensivo perché, malgrado le tre molecole che assumeva da mesi, manteneva valori di pressione arteriosa alti. In verità Wilma i tre farmaci non li prendeva, li lasciava scivolare silenziosamente nel water perché sentiva che uno dei tre (ma quale?) le dava nausea. E così, all’arrivo del quarto e alla maggiore attenzione del personale affinché seguisse la terapia regolarmente (e tutta quanta!), è arrivata la morte in bagno.


martina artusi yann bertholom sara luiseEsperienza italiana sull'applicazione del metodo
La demenza é una malattia che si presenta in maniera sempre diversa, può non essere riconosciuta subito e accettata come tale, perciò nella gestione della persona un problema avvertito da un membro della famiglia colpisce l’intero sistema. L’esperienza pratica ci dimostra che le persone colpite, se lasciate sole, decadono molto più velocemente, trascinando con sé anche chi le assiste. Da ciò si comprende il valore di sostenere il soggetto e il suo caregiver principale per un nuovo equilibrio personale e occupazionale.L'inizio della malattia è subdolo e lento, e il sintomo più importante è una riduzione progressiva della memoria recente, mentre la capacità di rievocare accadimenti passati appare meno compromessa (Cavazzuti, 1992).
La diagnosi medica implica il rilievo di deficit acquisiti all'interno di domini cognitivi multipli, comprendenti anche la memoria, che interferiscono con le attività sociali e lavorative quotidiane (Cambier, Masson, Henri, 2004). Questi sono definiti all'interno del DSM IV, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (Masson, 1999). 


antonio mattaannalisa patrunopietro landraQuesto contributo nasce dall'elaborazione dell'esperienza maturata nel N.A.T. Villa Andorno di Torino, collocato all’interno della Residenza Sanitaria Assistenziale Il Trifoglio, gestita dalla Cooperativa Sociale Bios di Alessandria.(1) La struttura, inaugurata a Torino nel luglio 2014, si sviluppa su tre palazzi, ognuno dei quali dispone di tre piani, che accolgono 180 posti letto, cui si aggiungono i venti posti letto del N.A.T.(Nucleo Alzheimer Temporaneo) e i venti posti letto della R.A.F.di tipo B per persone disabili, entrambe collocate al piano rialzato. 

ferdinando schiavoL’argomento principale di questo numero di PLV è il metodo Gentlecare di Moyra Jones ed io, come le volte precedenti, andrò “fuori tema”. Ma mi consolo con una storiella che ho letto su un Venerdì di Repubblica: Curzio Maltese riferisce quanto gli era stato raccontato da Vincenzo Cerami, che aveva conosciuto Pier Paolo Pasolini (PPP) quando era insegnante in una scuola media di Ciampino, una scuola in cui, prima dell’avvento di PPP, la media dei voti degli alunni in italiano era “quattro”, accompagnato dall’ammonizione ”sei andato fuori tema!”. Il nuovo professore, PPP appunto, amava invece quelli che andavano fuori tema premiandoli a volte con un “dieci”.
Oggi il preside l’avrebbe licenziato!

antonio guaitaLa prevalenza e l’incidenza delle demenze o dei “Disturbi neuro cognitivi maggiori” come li definisce in modo “politically correct” il DSM V, costituiscono una vera emergenza mondiale come risulta del rapporto mondiale 2015 di Alzheimer Disease International ( http://www.alzheimer.it/report2015.pdf).
La prevalenza di demenza per le persone di 60 e più anni va dal 4.6% dell’Europa centrale all’8.7% del Nord Africa e del Medio Oriente, mentre nelle altre zone il range è fra 5.6% e 7.6%, il che significa quasi 47 milioni di persone nel mondo che oggi vivono con la demenza.

ferdinando schiavoIl mio è il racconto su ciò che sta accadendo da pochissimi anni per fatti incresciosi e colpevoli avvenuti decenni fa. In una di queste incredibili storie, un’oscura eroina ha agito tempestivamente per il bene comune, mentre in altri casi personaggi politici di rilievo mondiale hanno sentito la necessità morale di raccontare l’odiosa verità e chiedere scusa.

Un’eroina è certamente Frances Oldham Kelsey, morta a 101 anni nell’agosto 2015 nota (a pochi) perché da farmacologa appena entrata nella FDA (la famosa e temuta Food and Drug Administration americana) si oppose all’ ingresso della Talidomide negli USA.