Operatori, Servizi, Formazione

alberto cesterTra il serio e il faceto, devo dire francamente che non mi ha mai del tutto entusiasmato il dibattito culturale e scientifico sui sistemi di classificazione e valutazione dell’anziano. Ho partecipato attivamente alla formazione sul campo per l’implementazione nella mia regione di uno di questi sistemi, ma sono da sempre abbastanza restio a giudicare pregi, qualità, difetti, confrontabilità dei vari sistemi.

laura bertIl dibattito sui criteri di valutazione delle persone, o di alcune loro caratteristiche, ci accompagna lungo tutto il corso della nostra vita, dagli anni della scolarizzazione, e a volte anche prima, in poi. Non penso sia possibile giungere a una risposta univoca, sarebbe una semplificazione di una materia che semplice non può essere: l’essere umano.

Anche restringendo il campo alla misurazione dell’autonomia, o piuttosto della sua perdita, nei vecchi (evitiamo termini edulcorati che possono ulteriormente aumentare la confusione), non si riesce a semplificare la materia.

Anche in Emilia Romagna il servizio sanitario e sociale è di fronte a una sfida complessa: rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini in un quadro di calo complessivo delle risorse.

L'Unità di Valutazione Geriatrica è stata istituita in Piemonte da oltre 20 anni e riconosce come principale obiettivo l'individuazione, attraverso una valutazione multidimensionale, dei bisogni sanitari e assistenziali delle persone anziane, identificando le risposte più idonee al loro soddisfacimento.

andrea-fabboCon il termine demenza s'intende una sindrome (ossia un insieme di sintomi) che comporta la compromissione delle facoltà mentali (quali la memoria, il ragionamento, il linguaggio), tale da pregiudicare la possibilità di una vita autonoma. A questi sintomi, inoltre, si accompagnano quasi sempre alterazioni della personalità e del comportamento che possono variare da soggetto a soggetto.

Nell'Anno Europeo dell'Invecchiamento Attivo (decisione 940/2011/EU) l'IRPPS-CNR di Salerno ha realizzato, in collaborazione e grazie ad un finanziamento del Comune di Napoli, il progetto Memory, un progetto di attivazione rivolto ad anziani non autosufficienti istituzionalizzati da anni. Il progetto si è posto l'obiettivo di promuovere il massimo livello possibile di autonomia di un gruppo di anziani non autosufficienti di età compresa tra 65 e 91 anni, utilizzando la narrazione come strategia di attivazione.

La Spiga è una Cooperativa Sociale-Onlus che ha come scopo la produzione di beni pubblici a valenza collettiva. Nello specifico si occupa di servizi di supporto scolastico individuale e di gruppo, assistenza domiciliare e assistenza presso strutture RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale) e CSS (Comunità Sociosanitarie).

Il Condominio Solidale di Imola offre dal 2001 una residenza autonoma ad  anziani e persone adulte con patologie invalidanti,  consentendo di valorizzare  la capacità di autogestione dei residenti  in un contesto condominiale comunque assistito.L'intuizione della comunità locale e dei servizi professionali